Livorno-Verona. La partita della vergogna

Roma- Ci sono momenti, come questo, durante i quali è difficile anche per uno sportivo come me parlare di calcio. L’Ansa ha appena riportato le conseguenze che colpiranno il Verona per gli insulti a Morosini. La partita in questione è Livorno – Verona di sabatao scorso, 20 ottobre; la partita della vergogna. Una di quelle gare che avrebbero meritato, senza alcun dubbio, la sospensione immediata e la sconfitta a tavolino per entrambe le società.

pa_banner

Insulti a Morosini da una parte, cori inneggianti le foibe dall’altra. Come è finita? Cinquantamila euro di ammenda e diffida al Verona. Il Giudice sportivo ha punito così i cori offensivi di un gruppetto di ultras veronesi che si erano innalzati nei confronti di Morosini, il giocatore del Livorno morto in campo lo scorso 14 aprile. Nessuna punizione, invece, inflitta al Livorno per i cori della sua curva che ha inneggiato alle foibe, prospettando ai supporter avversari la stessa tragica fine occorsa a migliaia di italiani.

Non commentiamo la sentenza. Sia per gli uni che per gli altri, una sola parola: Vergogna!