Parlamentarie PD. Mario Pepe: è stato un trappolone con tanto di liste ed elenchi discutibili

San Giorgio del Sannio – Mario Pepe non ci sta. E’ un fiume in piena l’onorevole dopo le Parlamentarie del Pd nel Sannio. Mette sotto accusa il partito colpevole di aver organizzato un “trappolone” che mal si adatta ad ” una città medaglia d’oro”.

pa_banner

Con il risultato delle primarieafferma l’On.Mario Pepe –  siamo ritornati all’antico regime fatto di favoriti e liberti, la mia è stata una battaglia di testimonianza politica. Mi ero permesso di fare alla direzione provinciale una proposta di rinnovamento, ho registrato l’assenza concettuale e la stanca monotonia del pensiero: sarà forse questo il nuovo stile dei democratici.

I giovanicontinua il deputato – per lo più hanno deciso di vivere una politica virtuale nella solitudine rarefatta dei numeri primi e nell’appello “di uno solo al comando”. L’affluenza alle primarie non è stata piena e numerosa come le altre volte, sono andati a votare i cittadini dagli elenchi falsi e contaminati: soprattutto a Benevento sono venuti a votare insieme a persone di dignità e rispetto maschere e figuranti portate a frotte multicolori, cortigiani tutti confessati e battezzati nel rito laicista della setta: un rito fastidioso, poco consono ad una città medaglia d’oro.

Con le primarie non muore la politica; la mia politica diventa più libera, meno condizionata, non finalizzata a raggiungere obiettivi o incarichi di sottogoverno – come altri famelici pretoriani – promuoverò, se ci sono le condizioni, un assalto dialettico al partito, al partito chiuso come una società segreta, alquanto paludoso, per aprirlo ai giovani, quelli veri non assoldati alle greppie dei magnati del partito, alle espressioni più vive della società, alle nuove professionalità. Azione politica, quindi, intensa dentro e fuori al partito.

L’impegno politicoconclude Pepeinnanzitutto per la città, avvolta in una cappa greve e asfissiante di poteri latenti e camaleontici, per il Sannio e per il suo rilancio, per i Comuni quelli che hanno bisogno di difesa e di maggiore vigilanza istituzionale. Insomma nuovi orizzonti senza ambizioni personali. Nelle istituzioni – tutte – sono entrato e ne esco pulito, senza mai un avviso di garanzia o una udienza informativa. Onesto e pulito come è di un preside abituato a forti motivazioni culturali e di un deputato che ha dato onore e dignità al Sannio con un valido contributo di presenze- una delle più elevate – e di atti parlamentari che stanno a testimoniare una considerevole azione legislativa e istituzionale. 

Mi auguro che altri – ai quali vanno tributati gli onori del laticlavio – possano restare 12 anni come è toccato a me a fasi alterne: non eletto nel 2001 per pochi voti, ho continuato a lavorare per sette anni fino al 2008 più di prima creando e rafforzando un partito nelle sue stanche membra, la Margherita prima e poi il Pd. Ho sottratto dal letargo politico personaggi e dirigenti sempre con una chiara e piena generosità senza sotterfugi o inganni. 

Oggi le primarie hanno voluto celebrare il trappolone. Bene si chiude la scena, iniziamo un nuovo percorso con lo stile e la tenacia di sempre”.

I conti che sembravano già scritti e privi di colpi di scena, sono davvero al sicuro?

Andrea Festa

Informazioni su Andrea Festa

Avellinese di nascita, apolide nello spirito, scrive con passione. È il fondatore nonchè l'editore di questa testata giornalistica. Il mondo è un libro scrisse Sant'Agostino - chi non viaggia legge solo la prima pagina e Andrea, a quanto pare, lo ha preso alla lettera e non fa che viaggiare per una miscellanea sragionata di interessi. Laureato a Siena in Scienze Economiche e Bancarie, ha conseguito numerosi Master. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica locale, l'Avellino, il Risiko ed un buon bicchiere di vino. Oltre a scrivere per La Nostra Voce, su cui ha anche un blog, dirige una Società editoriale specializzata, anche, in Comunicazione Istituzionale, Marketing Territoriale e Uffici stampa.