Paris, “giovane politico”, con Bersani, “vecchio politico” a Roma

 

pa_banner

 

Roma-“Con la candidatura di Rosaria Capacchione capolista al Senato in Campania il Pd ha detto chiaramente da che parte siamo: contro la camorra e i poteri criminali”. Queste le parole di Valentina Paris, atripaldese candidata Pd alla Camera dei deputati nel collegio Campania 2.

“Sappiamo di poter dire a chi va la prima volta al voto di sostenere con convinzione il Pd perche’ Bersani non ci hai mai detto “siete il futuro” ma “prendevi il presente”: e noi l’abbiamo fatto anche grazie alle primarie. In questi anni di profonde divisioni tra il Nord e Sud a causa dei governi delle destre e della Lega, il Pd e il segretario ci hanno sempre ricordato che l’Italia è una, anche con le sue profonde differenze” ha concluso Paris.

Ottimo candidare una giovane valente come la Paris in posizione tale da poter essere eletta, ma forse, come candidato premier, era meglio un giovane o una giovane. Bersani non attrae consensi, lo si sta vedendo dalla discesa costante dei consensi del Pd da dopo le Primarie, e non attira consensi perchè è il passato della politica, è il passato della mentalità futura che si dovrebbe avere in politica. Basti pensare che il segretario nazionale del Pd ha dovuto chiedere ad Ingroia( che se lo farà sbaglierà) di non presentare le liste al Senato in Campania e Sicilia per cercare di non dividere i voti.

Chi crede cioè in una idea di politica diversa da quella del Pd e di Vendola, più estrema e forse per questo più emozionante, deve per forza votare Pd. Mah! Sacrificare dunque la democrazia per le poltrone del Governo, per il potere: e questa è democrazia? Questa è la mentalità del Pd: fare di tutto per vincere come faceva la vecchia Dc?

Si spera solo che Ingroia non accetti questa richiesta anche perchè in Parlamento e Senato, così come Vendola, verrà messo da parte per fare l’accordo con i centristi di Monti.