Progetto CLab. La nuova frontiera dell’imprenditoria giovanile

pa_banner

ROMA – E’ la nuova frontiera dell’imprenditoria giovanile, l’ultimo modello di spazi d’incontro in cui far maturare nei giovani del Mezzogiorno la voglia e la consapevolezza di diventare imprenditori. Si chiama CLab che sta per Contamination Lab. Il progetto pilota, presentato dai Ministri per lo Sviluppo Economico e Istruzione, Università, Ricerca, già dispone di un 1 milione di euro ed interesserà tutte le università, gli studenti e le imprese di Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

I CLab sono luoghi di “contaminazione” di conoscenze ed esperienza tra studenti di diverse discipline. Attraverso le attività programmate dal CLab viene diffusa la cultura dell’imprenditorialità, dell’innovazione per lo sviluppo di nuove iniziative imprenditoriali. I CLab, attrezzati dalle Università ed organizzati in reti territoriali, saranno dotati di risorse, strutture e programmi di interazione tra studenti, tra docenti e studenti coinvolgendo il mondo delle imprese innovative, gli attori economici ed istituzionali presenti sui territori.

Possono prendere parte alle iniziative dei CLab gli studenti iscritti ai corsi di laurea delle Università di Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, nonché i dottorandi di ricerca e gli studenti stranieri. Ogni ciclo di attività dura 6 mesi, prorogabili per altri 6 mesi qualora l’attività avviata dallo studente risulti particolarmente meritevole di sviluppo.

Il meccanismo di selezione è fortemente legato alla motivazione e capacità progettuale dello studente. E’ perciò necessario proporre la propria candidatura attraverso lettera motivazionale con la quale spiegare da una parte ragioni ed aspettative dalla partecipazione alle attività del CLab, dall’altro la propensione ad innovare, da dimostrare con idee e progetti da portare avanti nel CLab stesso anche attraverso esperienze sviluppate fuori l’università.

Per candidarsi a partecipare alle attività dei CLab occorre innanzitutto attendere l’allestimento presso i singoli atenei ricercando, successivamente, informazioni sui referenti CLab d’ateneo ed il manager del CLab.