Microcredito regionale, a giorni il decreto di finanziamento

pa_banner

NAPOLI – Mesi dopo la presentazione ufficiale, il Microcredito regionale apre i cordoni della borsa. Migliaia le richieste di finanziamento pervenute al fondo che eroga dai 5 ai 25mila euro, rimborsabili in cinque anni senza interessi. 

A guidare la classifica, ovviamente, Napoli e provincia, con poco più di duemila richieste. A seguire, Salerno con 1600, Caserta con 767, Avellino con 440 e Benevento con 377 domande di finanziamento. Il primo decreto di finanziamento è annunciato per la prossima settimana. Circa cento milioni (il totale messo in preventivo dalla Giunta guidata da Stefano Caldoro) è la somma che verrà destinata ad attività giovanili (il richiedente non deve aver compiuto i 35 anni di età) di ogni tipo. Si va dai contributi agli immigrati e svantaggiati a quelli destinati ai progetti di autoimprenditorialità in ogni settore. Artigianato, valorizzazione dei prodotti tipici locali, turismo, beni culturali, risparmio energetico. Entro un anno saranno compiute verifiche per verificare i passi avanti compiuti dalle aziende.

L’assessore regionale alle Attività Produttive, Sergio Vetrella, nell’esporre il progetto parlò di una “rivoluzione nell’ambito del finanziamento delle idee”. Difatti, in questo modo la Regione si fa garante della bancabilità del soggetto richiedente. A causa di restringenti norme siglate da associazioni bancarie e Unione europea, l’accesso al credito è stato molto limitato, e oggi non è più così agevole come lo era un tempo. E’ proprio ai soggetti (individui o aziende) con queste difficoltà che la Giunta Caldoro ha rivolto una particolare attenzione, dimostrando attenzione a dare credito alle idee.

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.