Cassazione: è reato registrare di nascosto le conversazioni della fidanzata nella casa comune

Roma – È reato registrare di nascosto le conversazioni della fidanzata nella casa comune.

Commette il reato di interferenze illecite nella vita privata il convivente che mette un registratore nella sua casa per spiare i colloqui della sua compagna con la sorella. Lo ha stabilito la Corte di cassazione con la sentenza 8762/2013 rigettando il ricorso dell’uomo. Lo ha deciso la Corte di cassazione – Sezione II civile – con la Sentenza dello scorso 22 febbraio 2013 n. 8762.

pa_banner

 

 

Secondo la Cassazione non vi è ragione di non estendere la tutela anche de facto a chi è legato da un rapporto assimilabile a quello coniugale. Non solo, anche se non vi è una vera e propria convivenza ma nell’abitazione si svolgono “fasi significative della vita privata” trova ugualmente applicazione l’articolo 615bis. La vittima, infatti, conclude la Cassazione, “è di regola fiduciosa della tutela della sua privacy e quindi particolarmente esposta e vulnerabile nei confronti di un comportamento subdolo e sleale da parte della persona a cui è affettivamente legata”.

 

Andrea Festa

Informazioni su Andrea Festa

Avellinese di nascita, apolide nello spirito, scrive con passione. È il fondatore nonchè l'editore di questa testata giornalistica. Il mondo è un libro scrisse Sant'Agostino - chi non viaggia legge solo la prima pagina e Andrea, a quanto pare, lo ha preso alla lettera e non fa che viaggiare per una miscellanea sragionata di interessi. Laureato a Siena in Scienze Economiche e Bancarie, ha conseguito numerosi Master. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica locale, l'Avellino, il Risiko ed un buon bicchiere di vino. Oltre a scrivere per La Nostra Voce, su cui ha anche un blog, dirige una Società editoriale specializzata, anche, in Comunicazione Istituzionale, Marketing Territoriale e Uffici stampa.