I sindaci dell’Alta Irpinia contro la Provincia.

fiera modificato

ARIANO IRPINO – Una vera e propria rottura, uno strappo tra i sindaci di paesi dell’Alta Irpinia e la Provincia di Avellino. Questo emerge dalla nota che il Coordinamento dei Sindaci di Ariano Irpino, Carife, Casalbore, Greci, Montaguto, Montecalvo Irpino, San Sossio Baronia, Savignano Irpino, Villanova del Battista, Zungoli, ha inviato al Settore Pianificazione e Attività sul Territorio della Provincia di Avellino, con la quale i Sindaci spiegano le ragioni della propria assenza e soprattutto preannunciano la costituzione degli stessi innanzi alla magistratura amministrativa per la sospensione e l’annullamento della delibera di Giunta Provinciale di approvazione del Piano Territoriale. I primi cittadini dunque  non parteciperanno all’incontro di domani (7 marzo) presso il Carcere Borbonico sul Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale (P.T.C.P.).
“Il Coordinamento dei Sindaci ha presentato il 12-02-2013 un documento con il quale si chiedeva la sospensione/revoca in autotutela della delibera di approvazione del P.T.C.P. per palese irregolarità procedurale nell’adozione da parte dell’Ente Provinciale; tale atto non ha indotto il dirigente, quantomeno, a valutare, anche attraverso una interlocuzione con i rappresentati degli Enti, percorsi utili a sanare tali anomalie procedurali. Nel comunicare l’assenza dei Sindaci all’incontro in oggetto si preannuncia la costituzione degli stessi innanzi alla magistratura amministrativa per la sospensione e l’annullamento della delibera di Giunta Provinciale n.184 del 27/12/2012, pubblicata sul BURC n.5 del 28/01/2013”.