Civitanova Marche, triplice suicidio: annientata una famiglia

pa_banner

CIVITANOVA MARCHE (AN) – Questa è una tragedia per davvero. Tre suicidi in famiglia, l’ultimo dei quali in seguito ai primi due.

Due pensionati, 62 anni lui e 68 lei, si sono impiccati nel garage della loro casa a causa delle disastrose condizioni economiche. Lui era un esodato, andato in pensione da pochi mesi, mentre lei era una pensionata che percepiva una paga con la quale non riuscivano più nemmeno a pagare l’affitto.

Vani sono stati i tentativi di sensibilizzare le istituzioni comunali, che non sono riuscite a trovare una soluzione per migliorare una condizione di vita assolutamente inaccettabile in un Paese degno di tale nome. I due sono stati ritrovati dai vicini di casa.

Poche ore più tardi, subito dopo essersi recato a casa della sorella e del cognato, a farla finita è stato il fratello della donna, un pensionato con un passato da operaio manifatturiero. In preda alla disperazione, l’uomo si è buttato in mare, nelle acque antistanti il porto di Civitanova, ed è stato ripescato già cadavere dalla Capitaneria.