Il governo provvede alla modifica, la bufala DOP è salva

pa_banner

NAPOLI – Rischio sventato. La mozzarella di bufala campana DOP è stata salvata.

La Gazzetta Ufficiale di ieri ha infatti pubblicato il decreto del ministro delle Politiche agricole, Mario Catania, con il quale il Governo recepisce le richieste del Consorzio di tutela ed emana nuove norme di attuazione della legge 205/2008. Per chi fa parte del sistema Dop sarà infatti possibile continuare a produrre mozzarella di bufala dop nello stesso stabilimento dal quale provengono altri prodotti non dop. La modifica sta nel fatto che, come richiesto dal Consorzio di Tutela già 18 mesi fa, i produttori sono ora obbligati ad acquistare esclusivamente latte di bufala proveniente dall’area Dop, per qualunque prodotto intendano realizzare.

“Ringraziamo il Governo e il ministro delle Politiche agricole, Mario Catania, per aver compreso appieno il nostro appello”, afferma Domenico Raimondo, presidente del Consorzio di Tutela. “Abbiamo raggiunto molteplici risultati: rafforzato il marchio dop, garantito la tracciabilità, ridato vita agli allevatori che rischiavano di morire”. Tutto questo porterà ad una semplificazione dell’offerta di mozzarella di bufala, come spiega Antonio Lucisano, direttore del Consorzio di Tutela “I consumatori potranno scegliere solo tra tre tipi di prodotto: la Mozzarella di Bufala Campana dop; la mozzarella di bufala non Dop ma realizzata comunque con latte di area Dop dai produttori aderenti al Consorzio; e infine il prodotto non certificato, realizzato da tutti gli altri con latte e semilavorati bufalini qualsiasi, proveniente da ogni dove”.

 

 

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.