Derby alla Nocerina. Playoff più lontani.

Dopo undici risultati utili consecutivi, nel giorno più importante ed atteso è arrivato il flop.

pa_banner

È stato il derby ad essere giocato male per una serie di fattori rispetto senza troppa dietrologia, e le distanze enormi tra i reparti e la gestione non ottimale di certi momenti hanno inciso sulla partita. Adesso, come ha detto opportunamente mister Carboni, una prova d’orgoglio proprio a Pisa sarebbe sicuramente una sorta di toccasana o meglio ancora ricetta per ingoiare con meno traumi il boccone amaro.

L’ex di turno Felice Evacuo regala alla Nocerina la vittoria nel derby campano contro il Benevento. La rete dell’attaccante di Pompei a 9′ dal termine, consente ai rossoneri di espugnare il Santa Colomba per 2-1, dopo il vantaggio giallorosso siglato da Montiel al 18′ ed il pareggio di Russo al 27′.

Non si può parlare di discorsi vecchi anche perché il derby il Benevento lo stava vincendo. Il problema è che per la prima volta con Carboni e Marotta, rispettivamente in panchina e in campo sono state incassate due reti. Questo dato la dice lunga su quello che non è andato da un punto di vista di schieramento e forse anche mentale, contro ogni previsione e logica. Perdere in casa un derby che si sta addirittura vincendo a dire il vero ha del paradossale. Ma il Benevento di ieri era stranamente lungo, poco sicuro ed attento nelle chiusure difensive, fulminati proprio da azioni in verticale.

Probabilmente c’è stato un calo di concentrazione oppure qualcuno ha sentito il peso dell’importanza della posta in palio alla luce della cornice di pubblico più numerosa e bella in assoluto degli ultimi due campionati. Uno spettacolo nello spettacolo che ha visto proprio i tifosi giallorossi vincitori non solo per la loro presenza ma anche per non aver risposto alle provocazioni e dato adito a incidenti o altro figlio di frustrazioni e basta. Il grande caldo pure ha inciso, ma ci stava anche per gli altri e quindi ha una importanza marginale. Forse è vero e questo è un peccato che dopo una bellissima e lunga rincorsa la squadra abbia floppato sul più bello.

L’ex di turno Felice Evacuo regala alla Nocerina la vittoria nel derby campano contro il Benevento. La rete dell’attaccante di Pompei a 9′ dal termine, consente ai rossoneri di espugnare il Santa Colomba per 2-1, dopo il vantaggio giallorosso siglato da Montiel al 18′ ed il pareggio di Russo al 27′.

Che la Nocerina fosse squadra quadrata e ben assortita in campo, non vi erano dubbi e di certo non bisognava agevolarla, soprattutto per le scelte nella zona nevralgica dove il troppo compassato Rajcic e un Davì non in giornata sono stati sopraffatti dagli interni molossi. Contro la Nocerina è mancato il fosforo degli uomini di maggiore talento, la sagacia tattica che aveva contraddistinto nelle precedenti partite. Ma è difficile approfondire certi aspetti, ma è indubbio che una gestione anche diversa del vantaggio e dei tempi sarebbe stata auspicabile da una squadra che poi non aveva giovanissimi.

Onore, alla splendida e civile tifoseria giallorossa, più volte provocata da pseudo tifosi molossi, durante e dopo la gara, ma che ha saputo sempre mantenere la calma.

BENEVENTO: Gori, D’Anna, Signorini, Siniscalchi, Anaclerio, Rajcic, Davì, Montiel (dal 12’ s.t. Carotti), Mancosu (dal 22’ s.t. Buonaiuto), Marchi (dal 31’ s.t. Germinali), Marotta. A disp. Mancinelli, Rinaldi, Pedrelli, Cristiani. All. Carboni

NOCERINA: De Lucia; Baldan, Scardina, Chiosa; Daffara, Bruno A., De Liguori (dal 41 s.t. Diagouraga), Garufo; Mazzeo, Evacuo, Russo N. (dal 31’ s.t. Gorobsov) A disp. Ragni, Lettieri, Gavilan, Andelkovic, Bruno L. All. Auteri

ARBITRO: Mangialardi di Pistoia

MARCATORI: 18’ Montiel (B), 27′ Russo N. (N) 81’ Evacuo (N)