Ilva di Taranto: quattro arresti, c’è anche Florido, presidente della Provincia

pa_banner

TARANTO – Taranto nella bufera. Tra le quattro persone arrestate stamane dai militari della Guardia di finanza nell’ambito dell’operazione “Ambiente svenduto”, compare anche il presidente della Provincia Giovanni Florido (Pd).

Insieme a lui, destinatari di misure cautelari sono l’ex assessore provinciale all’Ambiente, Michele Conserva, l’ex dirigente dell’Ilva, Girolamo Archinà (già detenuto), e l’ex segretario della Provincia di Taranto, Vincenzo Specchia (a quest’ultimo sono stati concessi i domiciliari). Florido è accusato di concussione in relazione alla gestione da parte dell’Ilva della discarica “Mater Gratiae”, stessa accusa contestata a Conserva e Specchia. Archinà, invece, è accusato di concorsio nel reato contestato ai pubblici ufficiali.

In sostanza, Florido e Conserva avrebbero fatto pressione sui dirigenti del settore Ecologia e Ambiente della Provincia di Taranto perché concedessero, pur in carenza dei requisiti tecnico-giuridici, l’autorizzazione per la discarica gestita dall’Ilva. Per il Gip di Taranto Patrizia Todisco, Florido, Specchia e Conserva avrebbero agito “in spregio  dei principi di buon andamento ed imparzialità della pubblica amministrazione”.

Andrea Festa

Informazioni su Andrea Festa

Avellinese di nascita, apolide nello spirito, scrive con passione. È il fondatore nonchè l'editore di questa testata giornalistica. Il mondo è un libro scrisse Sant'Agostino - chi non viaggia legge solo la prima pagina e Andrea, a quanto pare, lo ha preso alla lettera e non fa che viaggiare per una miscellanea sragionata di interessi. Laureato a Siena in Scienze Economiche e Bancarie, ha conseguito numerosi Master. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica locale, l'Avellino, il Risiko ed un buon bicchiere di vino. Oltre a scrivere per La Nostra Voce, su cui ha anche un blog, dirige una Società editoriale specializzata, anche, in Comunicazione Istituzionale, Marketing Territoriale e Uffici stampa.