Notte dei Musei, sabato 18 ingresso gratuito in notturna al Museo Civico Archeologico di Bisaccia

pa_banner

BISACCIA – La Notte dei Musei arriva anche a Bisaccia. Per sabato 18 maggio, infatti, il Comune di Bisaccia aderisce all’evento promosso dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali, proponendo l’ingresso gratuito al Museo Civico Archeologico di Interesse regionale dalle ore 20.00 alle ore 24.00.

Una decisione presa nell’ottica di promuovere un avvicinamento sempre più coinvolgente del pubblico verso il patrimonio culturale bisaccese, soprattutto quello meno esplorato, ma non meno significativo. Un’iniziativa volta a permettere così un’emozionante ed insolita fruizione del patrimonio artistico italiano per tutti coloro che non riescono a farlo nei consueti orari di visita. Un’occasione unica anche per coinvolgere un pubblico più giovane e normalmente distante dal mondo della cultura.

Il Museo è situato in alcuni locali del cinquecentesco Castello Ducale e si articola in un percorso espositivo cronologico in senso orizzontale lungo il quale sono esposti i reperti, di proprietà statale, provenienti dagli scavi eseguiti sulla collina di Cimitero Vecchio di Bisaccia.

Obiettivo dell’esposizione è quello di ricostruire la storia di Bisaccia in età protostorica e arcaica attraverso i corredi delle numerose sepolture tombali scoperte nel noto sito archeologico irpino rendendola di facile acquisizione e comprensione ai visitatori.

La grande quantità di materiali acquisiti in tanti anni di ricerche archeologiche ha portato alla scelta dei reperti più significativi di oltre 50 corredi funebri della prima e della seconda età del Ferro (fine IX-VII secolo a.C.) costituiti da manufatti ceramici e preziosi oggetti d’ornamento personale. Da ammirare il corredo di sepoltura della Principessa di Bisaccia.

Sempre nell’ambito de “La Notte dei Musei” e ancora presso il Castello Ducale si terrà la manifestazione molto suggestiva dal titolo “Occhi su Saturno 2013”. L’evento, organizzato dall’Associazione Astrofili G. D. Cassini con il patrocinio del Comune di Bisaccia, si svolgerà dalle ore 20.30 alle ore 24.00. L’evento aderisce all’iniziativa promossa a livello nazionale dall’Osservatorio Astronomico di Perinaldo (IM) e l’Associazione Stellaria, con il sostegno dell’Istituto di Astrofisica e Planetologia Spaziali e la collaborazione dell’Unione Astrofili Italiani e dell’European Astrosky Network, che permetterà, con tanti eventi in tutta Italia, di osservare il pianeta Saturno e soprattutto di avvicinarsi all’astronomia ricordando la figura di un grande astronomo italiano, Giovanni Domenico Cassini.

Infatti, fu proprio Cassini (nato a Perinaldo nel 1625 e morto a Parigi nel 1712) a compiere i primi studi presso i gesuiti nella Repubblica di Genova; si trasferì, quindi, a Bologna, dove dal 1650 insegnò Astronomia all’Università, approfondendo studi e conoscenze sul pianeta Marte, che lo resero fra i più conosciuti astronomi europei del suo tempo. Costruì la meridiana di San Petronio, e ricoprì un ruolo tecnico di rilievo nella sistemazione idraulica delle acque padane nella pianura ferrarese.

Nel 1669 fu nominato dal Re Sole Luigi XIV membro dell’Accademia Reale delle Scienze fondata nel 1666, e per i particolari meriti scientifici gli venne conferita la direzione dell’Osservatorio di Parigi allora fondato. In quegli anni si dedicò allo studio sistematico di Saturno, di cui scoprì quattro satelliti e la divisione dell’anello di questo pianeta, che porta il suo nome, Divisione Cassini; intuì per primo che l’anello doveva in realtà essere costituito da particelle di materia cosmica, così piccole e così veloci, da non poter essere distinte singolarmente: L’aspetto dell’anello è conseguenza dell’ammassarsi di piccolissimi satelliti, i cui diversi spostamenti non sono apprezzabili separatamente”.