In scena al “Gesualdo” il processo per direttissima del madrigalista

Fiera Di Calitri prova

AVELLINO – Per l’undicesimo appuntamento con la rassegna “Il madrigalista – genio e follia del principe dei musici”, il Teatro Carlo Gesualdo propone una ricostruzione storica e dettagliata del processo che subì il celebre musico, proprio in occasione dei 400 anni dalla sua morte.

Il processo fu il più famoso del Rinascimento napoletano e rivivrà minuto dopo minuto il 23 Maggio alle 18,00 presso il Foyer del teatro.

L’evento è stato pensato dal professor Roberto Barbato e vi parteciperanno anche il preside Paolino Marotta, l’avvocato Niny Longobardi e l’attrice Angela Caterina.

Il processo permette di vedere l’intreccio delle vicende adulterine del duca d’Andria e conte di Ruvo Fabrizio Carafa e Maria D’Avalos, moglie di Carlo. Tutta la ricostruzione partirà dalla drammatica notte fra martedì 16 e mercoledì 17 ottobre 1590, quando i due amanti vennero colti in flagrante adulterio nella camera da letto di Palazzo San Severo e barbaramente trucidati.

Il ‘Processo per direttissima’ proverà a rendere meno ‘oscuro’ tutto quello che accadde subito dopo l’omicidio dei due amanti. Ciò che avvenne dopo fu caratterizzato da un giorno di grandi turbamenti per il principe Carlo che fu invitato dal viceré Miranda, presso cui Carlo si era riparato immediatamente dopo il gesto delittuoso, ad allontanarsi da Napoli, non tanto per sfuggire alla legge, ma per non esasperare il risentimento delle famiglie dei due amanti barbaramente uccisi.

Per maggiori informazioni, telefonare al numero 0825771620.