Francesco: Nella Chiesa c’è una lobby gay

pa_banner

ROMA – Papa Francesco ha rotto tutti gli schemi, e questo è sotto gli occhi di tutti. Un Pontefice, in quanto tale, è attenzionato maniacalmente in ogni cosa che faccia o che dica. Se poi parla di gay all’interno della Chiesa, allora le sue dichiarazioni non possono non rimbalzare da un angolo all’altro del pianeta.

“Nella Curia c’è gente santa, veramente c’è gente santa. Ma esiste – avrebbe ammesso parlando con una delegazione cilena – anche una corrente di corruzione, anche questa c’è, davvero. Si parla di ‘lobby gay’, ed è vero, è lì. Dobbiamo vedere cosa possiamo fare”. Francesco stava tenendo una conversazione (“privata”, ha specificato il direttore della Sala Stampa Vaticana, Padre Federico Lombardi) con Confederaciòn Latinoamericana y Caribeña de Religiosas y Religiosos (Clar), e le sue parole sono state riportate da Reflexion y Liberacion, sito andino.

Proprio l’associazione Clar ha emesso un comunicato in cui si è detta “profondamente dispiaciuta per la pubblicazione di un testo relativo alla conversazione avuta con il Santo Padre Francesco. Al documento – ha spiegato Clar – è attribuibile solo il senso generale di quanto detto dal Papa”. Nel frattempo, il sasso è stato lanciato, e anche con un po’ di violenza.