Europei U21, Borini ci porta in finale. Martedì c’è la Spagna

pa_banner

PETAH TIKVA – Una rete di Fabio Borini spalanca agli azzurrini di Devis Mangia le porte della finale dell’Europeo Under 21, di scena in Israele.

I nostri ragazzi hanno così avuto ragione di un avversario, l’Olanda, accreditato come uno dei maggiori favoriti alla vittoria finale e che anche stasera ha messo in mostra una grande mentalità, votata al possesso palla e all’attacco. L’Italia, dal canto suo, ha mostrato una grande capacità di adattamento alle caratteristiche dell’avversario, chiudendo i varchi alle trame dei Tulipani e inaridendone le fonti di gioco.

Con un marcatore fisso (Maher) su Verratti, d’altronde, sarebbe stato difficile per chiunque provare a fare gioco. L’Italia ha resistito alla prima frazione degli olandesi e a metà ripresa, quando gli arancioni sono calati fisicamente. In quel momento, è venuta fuori la grinta degli azzurrini, che hanno puntato tutto su Lorenzo Insigne, recuperato all’ultimo minuto dopo il brutto infortunio alla caviglia sinistra rimediato nella sfida contro Israele. Proprio il talento del Napoli, infatti, ha preso per mano la squadra con alcune giocate di altissime livello. I difensori avversari, palesemente in imbarazzo quando venivano puntati, si sono mostrati molto impacciati nel contrastare un attaccante agile e brevilineo come lui.

Al 34′ della ripresa, Insigne, come sempre partito dalla sinistra, ha disorientato un paio di avversari con alcune finte e pescato con un filtrante Borini a centro area. Il giovane attaccante del Liverpool ha anticipato il diretto avversario e trafitto l’estremo difensore olandese. Ultimi minuti al cardiopalma, con nervosismo alle stelle, in particolare da parte olandese, ma missione compiuta. Martedì 18, in finale, gli azzurrini saranno chiamati ad una nuova prova di carattere e di maturità. A separarli da un trofeo che manca da nove anni, infatti, la solita Spagna, imbottita di giovani abituati ormai da anni alla ribalta continentale con le rispettive squadre. Ma il commissario tecnico Devis Mangia sarà certamente in grado di trasferire la sua grinta agli undici che scenderanno in campo.

TABELLINO 

Italia (4-4-2): Bardi; Donati, Bianchetti, Caldirola, Regini; Florenzi, Rossi (dal 90’ Crimi sv), Verratti, Insigne (dal 40’ st Sansone sv); Borini, Immobile (dal 17’ st Gabbiadini).
Olanda (4-3-3): Zoet; van Rhijn, de Vrij (dal 29’ st van der Hoorn), Martins Indi, Blind (dal 38’ st Fer); van Ginkel, Maher, Strootman; Wijnaldum, de Jong, John (dal 23’ st Depay).
Arbitro: Hategan (ROM)
Reti: 33’ st Borini.
Note: 10.123 spettatori, ammoniti Borini, Verratti, Gabbiadini, Donati, Martins Indi, Sansone

Andrea Festa

Informazioni su Andrea Festa

Avellinese di nascita, apolide nello spirito, scrive con passione. È il fondatore nonchè l'editore di questa testata giornalistica. Il mondo è un libro scrisse Sant'Agostino - chi non viaggia legge solo la prima pagina e Andrea, a quanto pare, lo ha preso alla lettera e non fa che viaggiare per una miscellanea sragionata di interessi. Laureato a Siena in Scienze Economiche e Bancarie, ha conseguito numerosi Master. Gli piacciono le elezioni e le campagne elettorali, la politica locale, l'Avellino, il Risiko ed un buon bicchiere di vino. Oltre a scrivere per La Nostra Voce, su cui ha anche un blog, dirige una Società editoriale specializzata, anche, in Comunicazione Istituzionale, Marketing Territoriale e Uffici stampa.