Oscar Green 2013. L’agricoltura “giovane” come motore dello sviluppo

pa_banner

NAPOLI – “Il bello della Campania”. E’ questo il tema scelto per l’Oscar Green 2013, che si è svolta ieri a Napoli, presso la Camera di Commercio.

Si tratta della settima edizione del premio promosso da Coldiretti giovani impresa, che intende mettere in vetrina e dare un riconoscimento agli Under 40 che hanno sposato l’agricoltura e avviato aziende che sono riuscite ad imporsi sul mercato proponendo modelli di sviluppo nuovi ed innovativi. L’anno scorso il Premio Oscar Green è andato alla Birra Artigianale Serro Croce, azienda agricola, sita nell’agro di Monteverde (AV), di Vito Pagnotta, dinamico agronomo innamorato della sua terra e delle tappe che conducono al godimento dei suoi frutti.

Un settore, quello agricolo, che sta andando avanti nonostante la perdurante crisi economica. Anzi, studi qualificati ritengono che la valorizzazione di DOP e IGP può portare alla creazione in Campania di ben 25mila posti di lavoro nel comparto. Proprio le attività “giovani”, avendo una capacità tripla di fare economia rispetto alle aziende condotte da imprenditori più anziani, possono rendere il mercato molto più dinamico. D’altra parte, i numeri non lasciano spazio a repliche. Nel solo trimestre del 2012 le esportazioni dei prodotti agroalimentari campani hanno raggiunto la ragguardevole cifra di 2,1 miliardi di euro, superando quanto era stato toalizzato durante tutto il 2011.

COldiretti Campania ha affermato che gli imprenditori agricoli Under 40 in Campania sono oltre 160mila, quindi circa uno su dieci. Numeri molto elevati, che portano l’assessore regionale alle Attività produttive, Fulvio martusciello, ad affermare di voler “registrare il marchio ‘Regione Campania’, in modo tale da rendere ancor più esclusivo il prodotto che verrà dalla nostra terra e che sarà proposto sul mercato di tutto il mondo. SUpporteremo – ha affermato Martusciello – i nuovi imprenditori attraverso i servizi della Rete regionale per gli Incubatori”

Il presidente di UnionCamere Campania, Maurizio Maddaloni, ha invece espresso l’auspicio che si riesca a diminuire il costo per l’avvio di una attività agricola. “In Campania – ha infatti affermato Maddaloni – è ancora troppo elevato, nonostante gli indubbi sforzi dell’amministrazione regionale. Tradotto: meno burocrazia e maggiore accessibilità ai finanziamenti europei e al credito”.

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.