Berlusconi: “Diminuire l’Iva anche sforando il 3%. Bisogna aiutare gli imprenditori”

PONTIDA – Dopo la “benedizione” di due giorni fa del decreto del fare, Silvio Berlusconi torna a farsi sentire. E lo fa da Pontida, durante l’inaugurazione di una casa di cura.

Un intervento che non ha mancato di suscitare polemiche, dal momento che si tratta di un attacco frontale alle politiche europee. “E’ inaccettabile che non si riesca a trovare 8 miliardi per ridurre l’Iva. Nessuna impresa non può ridurre i costi dell’1% per andare incontro ai bisogni dei cittadini”, ha affermato il Cavaliere, che ha proseguito: “Per congelare l’aumento dell’Iva bisogna se necessario anche sforare il limite del 3% del rapporto deficit/Pil, tanto dall’Europa non ci cacciano”. Per Berlusconi “il governo non potrà mai creare lavoro, ma piuttosto il lavoro lo possono creare solo gli imprenditori: dobbiamo sostenere questi capitani coraggiosi, che dobbiamo chiamare eroi”.

A stretto giro di posta è arrivata la replica di Palazzo Chigi in una nota: “Rispetteremo gli impegni di bilancio, la nostra posizione resta la stessa ed è stata ribadita anche nell’incontro di sabato con il presidente della Commissione europea”. Successivamente, è stato lo stesso Letta, direttamente dal G8 in Irlanda, a replicare: “Nella sessione sull’economia ho ribadito l’impegno a mantenere i patti con l’Unione europea, in particolare la regola del 3%”. Il presidente del Consiglio ha poi aggiunto: “In sala non si è parlato delle affermazioni di Berluscon. Non hanno avuto nessun rilievo. E’ probabile che non siano stati neppure informati”.

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.