Berlusconi vede Letta: Governo va avanti, bene rinvio Iva e decreto lavoro

ROMA – “Credo che anche dalla durata dell’incontro si capisca che non c’è volontà di rompere”.

Enrico Letta, subito dopo il faccia a faccia di tre ore con Silvio Berlusconi, fa filtrare una dichiarazione che sa di rassicurazione, in linea con le parole di Npaolitano, che ieri pomeriggio aveva auspicato continuità di governo. Parole collocate non a caso, a poche ore dalla condanna a sette anni del Cavaliere per “costrizione alla prostituzione minorile”. Colloquio “cordiale e positivo”, insomma, al quale erano presenti il segretario del Pdl e vice di Letta, Angelino Alfano, e Gianni Letta, zio di Enrico e “manovratore oscuro” del Pdl.

Al centro del discorso, cominciato poco dopo le 21, quando Berlusconi è arrivato a Palazzo Chigi, l’Iva, il lavoro e gli F-35. Quanto all’Imposta sul valore aggiunto, l’accordo è stato trovato sul rinvio a settembre, con possibilità di prorogare ulteriormente a dicembre in sede di conversione da parte del Parlamento del decreto che verrà fuori dal Consiglio dei ministri. Fonti governative hanno poi sottolineato l’intesa sulle misure che verranno oggi licenziate dal Cdm in materia di lavoro: sgravi per chi assume o trasforma un contratto a tempo indeterminato.

Per quel che riguarda invece la commessa sugli F-35 (14 miliardi per 90 mezzi), non vi è stato alcun commento. Il tema è causa di forti attriti all’interno del partito democratico, in cui alcune aree spingono per la disdetta dei lavori. Il Pdl, al contrario, spinge perché si porti a termine l’impegno.

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.