Deraglia treno vicino a Santiago de Compostela a causa dell’alta velocità

MADRID- Sono almeno 77 i morti nell’incidente di ieri sera accaduto nel nord della Spagna vicino a Santiago di Compostela. 140 i feriti di cui una ventina in condizioni molto gravi e tre dei quali non ancora identificati.
L’incidente è avvenuto ieri alle 20:42, quando il convoglio ad alta velocità Madrid-Ferrol si trovava alla biforcazione di A Grandeira, a poco più di tre chilometri da Santiago di Compostela: sei dei dieci vagoni sono usciti dai binari in curva e si sono rovesciati. Tre vetture hanno preso fuoco.  
A causare il gravissimo incidente forse un 
errore umano in quanto il treno stava viaggiando ad una velocità di almeno 190 chilometri orari, doppia rispetto a quella consentita nel tratto dell’incidente. I dati precisi sono stati riferiti a El Pais da un macchinista che, nonostante fosse intrappolato tra le lamiere nella cabina, parlava via radio con la stazione: “Spero di non avere morti sulla coscienza”, ripeteva dopo aver spiegato di aver preso la curva a una velocità più del doppio di quella permessa in quel punto, ovvero 80 km orari. 

pa_banner

Anche diverse testimonianze confermano l’eccessiva velocità. Il treno “andava molto veloce e alla curva ha cominciato a girarsi, mentre i vagoni sono finiti una sopra l’altro”. A parlare ai media locali è Ricardo Montesco, uno dei superstiti del convoglio ad alta velocità deragliato.