Non decollano in Francia le nozze gay. E un sindaco si rifiuta addirittura di celebrarle.

PARIGI – I dati parlano chiaro. Rispetto ai Pacs  – che nel 1999 furono ben 10.000 solo nel primo mese – e rispetto alle nozze gay in Spagna – che dopo il primo anno fecero registrare 4.500 riti – il numero dei  matrimoni gay in Francia non decolla. Nei primi tre mesi dall’entrata in vigore della legge, la cui approvazione ha spaccato il paese, soltanto 596 coppie hanno deciso di sposarsi.

pa_banner

Lo rileva uno studio condotto dalla radio France Inter. Le nozze si sono celebrate in 50 città della Francia, le più grandi, che ospitano il 10% della popolazione. Sul totale delle nozze, quelle fra persone dello stesso sesso rappresentano in Francia l’1%.

A schierarsi contro la legge era stata Marie-Claude Bompard, il sindaco di estrema destra della cittadina di Bollene, nel sud-est della Francia, che si era rifiuta di celebrare le nozze gay a una coppia di donne. La procura di Carpentras ha avviato un’inchiesta preliminare nei suoi confronti. La Bompard, si legge su Le Monde, rischia fino a cinque anni di prigione e una multa di 75mila euro.