Il calcio che cambia. Dall’Inghilterra il decalogo di De Canio

SUNDERLAND – Lo scorso anno minacciò di far saltare le vacanze ai suoi calciatori se non avessero chiuso in modo dignitoso lo scorso campionato.

pa_banner

Quest’anno Di Canio alza il tiro e “lancia” nello spogliatoio del Sunderland, per la nuova stagione di Premier League, il suo decalogo. Vietato mangiare ketchup, maionese, bere caffè e Coca Cola con ghiaccio il giorno prima e anche il giorno stesso delle gare. Ma soprattutto, non si potrà più cantare sotto la doccia: toglie la concentrazione.

“Questa è una rivoluzione completa – ha detto Di Canio in vista del debutto in Premier contro il Fulham – Non è solo nel modo di giocare, ma nel modo in cui ci avviciniamo alla gara. E’ stato difficile. Ci siamo concentrati su come cambiare l’intero ambiente nello spogliatoio. Immaginate se per anni l’abitudine è stata quella di utilizzare il cellulare durante i massaggi, anche un minuto prima di uscire per allenarsi.

Per 25 giorni – ha continuato Di Canio – ho accettato tutto questo, perché la mia priorità era quella di lavorare sul campo. Da ora in avanti, se qualcuno viene nello spogliatoio con un telefono cellulare, anche nella borsa, lo butto in mare”.