Approvato dalla Regione Campania il Progetto Integrato di Filiera ‘Vitis del Sannio

SANNIO –  Il Settore Agricoltura della Regione Campania ha ieri approvato le iniziative presentate dai soggetti privati nell’ambito del Progetto Integrato di Filiera ‘Vitis’, fondi messi a disposizione dal bando regionale a cui sono stati riservati 168 milioni di euro della dotazione finanziaria del Programma Sviluppo Rurale Campania (Psr). Per la realizzazione di questi progetti, dell’ammontare di circa 20 milioni di euro, le aziende sannite interessate potranno beneficiare di risorse messe a disposizione per circa 11 milioni di euro.

pa_banner

Queste le parole del presidente del Consorzio Libero Rillo:

«Giunge alla conclusione di un importante percorso progettuale che ha visto lavorare con determinazione il Consorzio Sannio, capofila del P.I.F. ‘Vitis’. E’ d’obbligo un ringraziamento particolare a tutte le persone e i rappresentanti istituzionali impegnati lungo questo percorso. Il P.I.F. nasce con l’obiettivo – aggiunge – di creare valore attraverso la realizzazione di iniziative produttive dinamiche e competitive, progettate insieme, mediante il partenariato affidato ad un soggetto privato, da enti ed istituzioni pubbliche e soggetti privati. Per questo l’auspicio del Consorzio è che giunga presto anche l’approvazione delle progettazioni relative alla parte pubblica, quella che deve attingere alle disponibilità dei Fondi Coesione (Fers e Fse). Il P.I.F. ‘Vitis’, nella sua interezza, prevede infatti investimenti che sfiorano 40 milioni di euro. Nella sua fase di progettazione – rimarca il presidente del Consorzio – il P.I.F. ha fortemente stimolato la sinergia tra pubblico e privato perché si è convinti che solo in questo modo si segnerà una storica svolta nel comparto vitivinicolo basata sul miglioramento qualitativo, sull’innovazione e sull’introduzione di nuovi prodotti e su valide progettazioni pubbliche con l’obiettivo di implementare, dal punto di vista delle strutture e dell’accoglienza, gli sforzi messi in campo dai privati».