Solopaca. Festa dell’Uva, trionfa l’imperatore Nerone

SOLOPACA- E’ il carro della bottega allestitrice “Cieuzo 2”, rappresentante Nerone mentre preso dalla pazzia, incendia Roma uccidendo Agrippina e Seneca, con l’astuta Poppea che, invece, si salva offrendo all’imperatore il famoso nettare solopachese, ad aggiudicarsi la 36esima edizione della Festa dell’Uva. Questo il verdetto deciso dalla giuria tecnica, emerso nella serata conclusiva della rassegna che, da quasi 40 anni, caratterizza l’estate settembrina solopachese.

Per la giuria popolare, invece, il primo premio è stato assegnato alla bottega allestitrice “A’ Cumpagnerula”, che aveva riproposto le antiche virtù della Città Eterna, ormai cadute in desuetudine, tranne una: il famoso Solopaca DOP.