Napolitano: Dimissioni parlamentari Pdl fatto grave e inquietante

pa_banner

ROMA – La minaccia di dimissioni in blocco da parte dei parlamentari Pdl in caso di decadenza di Silvio Berlusconi è sul tappeto più che mai.

E per contrastare una mossa che manderebbe in tilt il governo Letta, scende in campo, tramite una nota ufficiale, anche Giorgio Napolitano, che la nascita di quel governo l’ha caldeggiata per mesi. “L’orientamento assunto ieri sera dall’Assemblea dei gruppi parlamentari del Pdl – scrive il Presidente della Repubblica – non è stato formalizzato in un documento conclusivo reso pubblico e portato a conoscenza dei Presidenti delle Camere e del Presidente della Repubblica – si legge nel documento del Colle – Ma non posso egualmente che definire inquietante l’annuncio di dimissioni in massa dal Parlamento – ovvero di dimissioni individuali, le sole presentabili – di tutti gli eletti nel Pdl. Ciò configurerebbe infatti l’intento, o produrrebbe l’effetto, di colpire alla radice la funzionalità delle Camere”.

Dunque, no alla compromissione della funzionalità delle Camere. E no ad evocare colpi di Stato. “Non meno inquietante – prosegue infatti la nota  del Colle – sarebbe il proposito di compiere tale gesto al fine di esercitare un’estrema pressione sul Capo dello Stato per il più ravvicinato scioglimento delle Camere. C’è ancora tempo, e mi auguro se ne faccia buon uso, per trovare il modo di esprimere – se è questa la volontà dei parlamentari del Pdl – la loro vicinanza politica e umana al Presidente del PdL, senza mettere in causa il pieno svolgimento delle funzioni dei due rami del Parlamento. Non occorre poi neppure rilevare la gravità e assurdità dell’evocare un ‘colpo di Stato’ o una ‘operazione eversiva’ in atto contro il leader del Pdl”. 

Il Capo dello Stato parla poi della sentenza di condanna, per la quale a suo dire nulla può nè egli stesso nè tantomeno il presidente del Consiglio.

Insomma, all’orizzonte si prevede una battaglia sempre più dura.

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.