Stufe e camini ritornano(per la crisi) ad essere usate nelle case degli italiani

ROMA – In Italia sono tornate ad usarsi in maniera massiva le stufe ed  i camini: a dirlo sono i dati della Coldiretti che fanno segnare un aumento record del 15% delle importazioni di legna nel 2013 rispetto allo scorso anno.
Per garantire il caldo nelle case degli italiani sono stati importati in tutto il 2013 3,5 miliardi di chili di legna da ardere: per la Coldiretti un ritorno ad una forma di riscaldamento più economica rispetto agli altri. 

pa_banner

La nota della Coldiretti su questo dato è molto chiara:

 “Una dimostrazione evidente del ritorno di modalità di riscaldamento che sembravano dimenticate dovuto al crescente interesse verso una forma di energia che è diventata competitiva dal punto di vista economico oltre ad essere più sostenibile dal punto di vista ambientale. Sul territorio nazionale sono presenti 10 milioni e 400 mila ettari di superficie forestale, evidenzia inoltre l’associazione, in aumento del 20% negli ultimi 20 anni, di cui viene utilizzato meno del 15% della ricrescita annuale a fronte di un 65% ad esempio della Germania. “Con una più corretta gestione delle foreste può essere prelevata, quasi senza alterarne la sostenibilità, una quantità di 23,7 milioni di tonnellate/anno di combustibile che riduce i consumi attuali di petrolio di ulteriori 5,4 milioni di tonnellate”.