Prima il carcere, poi i domiciliari: ora la libertà per Cosentino

NAPOLI – Era ai domiciliari dal 26 luglio e prima ancora aveva fatto più di qualche giorno di carcere (131 nel penitenziario di Secondigliano). Ora è libero l’ex sottosegretario del Pdl Nicola Cosentino dopo la decisione del collegio del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, presieduto da Orazio Rossi.
Cosentino è imputato per reimpiego di capitali illeciti aggravato dall’aver agevolato il clan camorristico dei Casalesi in relazione alla costruzione, mai avvenuta, di un centro commerciale a Casal di Principe.

pa_banner

Il processo è noto come ”Il Principe e la Scheda Ballerina” e l’istanza di revoca è stata presentata dai legali dell’ex deputato (Montone, Agostino De Caro e Nando Letizia).