Stamina, protesta a Roma: disordini a Largo Chigi

pa_banner

ROMA – “Stamina funziona, anche tu senza laurea lo puoi capire”  oppure “Non abbiamo più voglia di morire”.  Sono questi alcuni dei cartelli più significativi esposti, in queste ore, a Roma, a Largo Chigi, dai malati (tra loro anche alcuni bambini) che vogliono accedere al metodo Stamina.  
Sembrerebbe che, in piazza ci sono state alcune cariche della polizia. I fratelli Sandro e Marco Biviano, malati e da mesi in presidio permanente in Piazza Montecitorio, stanno preparando una protesta eclatante: sono in procinto di attaccarsi la flebo, togliersi il sangue e gettarlo in terra. In pratica, promettono di dissanguarsi in piazza, se il Governo non accoglierà la loro richiesta di un decreto d’urgenza per assicurare le cure compassionevoli con il metodo Stamina. Inoltre i manifestanti, che stanno bloccando il traffico a Roma, minacciano di «proseguire a oltranza e di avviare uno sciopero della fame se non verranno ricevuti dal Governo» per ottenere un decreto d’urgenza che consenta le cure compassionevoli d’emergenza ai malati gravi o in pericolo di vita.