Meno macchine blu per ministeri e politici. No a tagli lineari

pa_banner

ROMA – I primi effetti della spending revieww si fanno sentire. ”Il primo taglio – afferma Letta – dovrà essere alla spesa pubblica per il funzionamento della macchina, con i conti dei ministeri, della politica, di ciò che è stato ridondante. Sono contrario alla logica dei tagli lineari dove non si vanno a vedere all’interno le singole voci. Ecco – ha spiegato – perché ho scelto Cottarelli che avrà il compito di entrare nelle singole voci”. E lo stesso Cottarelli che afferma: “Un auto blu solo a ministri, io ho scarpe blu. Sarebbe opportuno fare come in Inghilterra dove c’e’ solo un’auto blu per il ministro. Io vado in giro a piedi avrò le scarpe blu e ci guadagna la salute”. Rispetto al metodo da utilizzare per procedere Letta ha scritto a Squinzi sostenendo: “Decidiamo insieme su spending review . Possiamo decidere insieme le modalità di allocazione di queste risorse che arriveranno dalla spending review.