Urbi et orbi. Papa Francesco prega per il conflitto in Siria

CITTA’ DEL VATICANO – Prima della benedizione “urbi et orbi”, il Santo Padre ha parlato del conflitto in Siria, sottolineando come esso abbia spezzato “troppe vite” ed esortando le persone invischiate a  risparmiare “altre sofferenze al popolo mettendo fine ad ogni violenza e garantendo l’accesso agli aiuti umanitari.

pa_banner

“Troppe vite – ha detto il Papa – ha spezzato negli ultimi tempi il conflitto in Siria, fomentando odio e vendetta. Continuiamo a pregare il Signore perché risparmi all’amato popolo siriano nuove sofferenze e le parti in conflitto mettano fine ad ogni violenza e garantiscano l’accesso agli aiuti umanitari. Sono contento che oggi si uniscano a questa nostra implorazione per la pace in Siria anche credenti di diverse confessioni religiose.

Non perdiamo mai il coraggio della preghiera! Il coraggio di dire: Signore, dona la tua pace alla Siria e al mondo intero. E anche ai non credenti invito – ha chiosato papa Francesco – a desiderare la pace, con il suo desiderio, quel suo desiderio che allarga il cuore, tutti uniti, o con la preghiera o con il desiderio, per la pace”.