Champions, Napoli chiamato all’impresa: tre reti all’Arsenal per passare

pa_banner

NAPOLI – Obbligati a crederci.  

Gli uomini di Rafa Benitez, in campo stasera contro l’Arsenal di Arsene Wenger, hanno un solo risultato a disposizione, la vittoria. E non una vittoria risicata, tutt’altro. Ai Gunners vanno infilati tre palloni per potersi guadagnare l’accesso alla fase ad eliminazione diretta. Una impresa che avrebbe il profumo dell’Epica. Tanto più che nelle ultime ore viene data per certa l’indisponibilità di Pepe Reina, che dunque dovrebbe lasciare posto nuovamente a Rafael, all’esordio assoluto in Champions.

Azzurri in campo con Maggio, Albiol, Britos e Armero. Behrami e Inler a centrocampo, Callejon, Pandev e Mertens a sostegno proprio di Higuain. Wenger sceglie una formazione “a specchio”, piazzando Wilshere, Ozil e Cazorla dietro Giroud, con Walcott in panca. A Castel Volturno, però, ci credono. L’ambiente è caricato a molla, nonostante il passo falso di sabato sera contro l’Udinese. “Mente fredda e cuore caldo”, ha sentenziato il Pipita Higuain, da argentino ormai avvezzo ai campionati nostrani. Ed è proprio questo quello che serve agli azzurri. Prevedibile un inizio arrembante, con la ricerca immediata di una rete che farebbe volare la squadra e amplificherebbe l’urlo già mostruoso di un San Paolo pronto a sostenere il suo Napoli e ad applaudirlo in ogni caso. 

Perché, vincendo sia pur senza qualificarsi, gli azzurri chiuderebbero a 12 punti il girone della morte. E sarebbe una beffa enorme.