Cuperlo avverte Letta: Scatto d’orgoglio o è meglio andare a votare

pa_banner

ROMA – Dopo Matteo Renzi arriva la bordata del Presidente del Pd Gianni Cuperlo. Stesso monito del segretario nazionale pronunciato qualche giorno fa. “A Letta chiedo uno scatto d’orgoglio – afferma Cuperlo – perché il suo e il nostro destino non è quello di galleggiare. Siamo in grado di imprimere una svolta bene, se non siamo in grado se ne prenda atto e si restituisca la parola agli elettori”. Cuperlo, che ha rilasciato una intervista all’Unità, avverte il governo. “Finora quel che si è fatto non è stato sufficiente, la sterzata è necessaria e nasce dalla necessità di ricreare una fiducia fra la sfera del potere e le persone e questo lo fai soltanto se rompi l’immobilismo. Sarebbe giusto aprire il governo a personalità che siano espressione di una società che resiste e reagisce. Personalità con l’autorevolezza e il prestigio di rappresentare un pezzo di Paese che oggi non sempre è con noi. Se invece il rimpasto deve risolversi in un mercato tra le forze che ci sono – osserva Cuperlo – grazie ma abbiamo già dato”.