Legge elettorale: 21 proposte presentate e iter nelle mani dei presidenti Boldrini e Grasso

pa_banner

 

ROMA – Inizia a muovere i primi passi la legge elettorale, infatti è stata calendarizzata dalla commissione Affari costituzionali della Camera. Numerose le proposte avanzate tanto che ammontano a 21. Ora i presidenti della Camera Laura Boldrini e del Senato Pietro Grasso dovranno concordare il metodo e i tempi per far iniziare l’iter, tenendo presente il Regolamento di Montecitorio che recita: “Quando sia posto all’ordine del giorno di una Commissione un progetto di legge avente un oggetto identico o strettamente connesso rispetto a quello di un progetto già presentato al Senato, il presidente della Camera ne informa il presidente del Senato per raggiungere le possibili intese”. La presidente della commissione Affari costituzionali di Palazzo Madama Anna Finocchiaro ha portato elementi di chiarezza e ha affermato: “Ma chi l’ha detto che qui non si fa più? Ci sarà un’intesa tra Camera e Senato”. L’opposizione della Lega Nord non ha gradito e ha replicato tramite il senatore Roberto Calderoli: “Sono settimane che lo dico, era già scritto che sarebbe andata così. Noi insisteremo perché il percorso sia quello del Senato. Anche perché qualcuno potrebbe sollevare la questione dei deputati eletti con il premio di maggioranza. E volete che proprio loro riscrivano la legge elettorale? Sarebbe la più clamorosa presa per i fondelli”.