Napolitano: Parlamento legittimato, ma ora la legge elettorale

 

pa_banner

NAPOLI – Dopo la sentenza della Consulta che ha bocciato il Porcellum e lo scontro che si è aperto tra le forze politiche, per dipanare la matassa interviene il Presidente della Repubblica. Un’azione utile anche a spegnere le polemiche scatenate dallo scontro sulle convalide. Basta vedere il duello FI-M5S e gli attacchi alla Presidente della Camera Boldrini. “Stiamo parlando – ha spiegato il capo dello Stato parlando con i giornalisti che a Napoli gli chiedevano se le Camere fossero ormai delegittimate – di una sentenza della Corte costituzionale che espressamente si riferisce al parlamento attuale dicendo che esso stesso può ben approvare una riforma della legge elettorale. Quindi è la Corte stessa che non mette in dubbio che c’è continuità nella legittimità del Parlamento. Il problema – ha spiegato il presidente Napolitano parlando con i giornalisti all’entrata di Palazzo Reale a Napoli – era e resta quello dell’espressione di una volontà politica del Parlamento tesa a produrre finalmente la riforma elettorale giudicata necessaria – ha sottolineato Napolitano – da tutte le parti”.