Legge elettorale, Quagliariello: Accordo entro l’Epifania o sarà crisi

pa_banner

ROMA – Matteo Renzi chiede come segretario del Pd che la legge elettorale riprenda il cammino parlamentare, a supporto arrivano Pd, M5S e Sel, a dare il via libera l’intesa tra i presidenti di Camera e Senato. Un’azione celere che però ha incrociato dure critiche da parte di Lega e Nuovo Centrodestra. Il senatore leghista Roberto Calderoli: “E’ nata una nuova maggioranza formata da Pd, Sel e M5S cioè i partiti che fino a oggi hanno prodotto il rinvio della riforma. Ma tanto non combineranno nulla perché quando tornerà al Senato la riforma non ha i numeri per essere approvata. E’ solo una presa in giro”.

A far discutere è anche l’avvertimento di Gaetano Quagliariello, ministro delle Riforme costituzionali ed esponente del Nuovo centrodestra, che dice a Sky Tg 24: “Nei prossimi 15 giorni”, al più tardi “subito dopo la Befana”, la maggioranza deve trovare un accordo su legge elettorale, riforma del bicameralismo e riduzione del numero dei parlamentari “o va in crisi”.