Renzi per le europee: Bindi, Veltroni e D’Alema devono darci tanti consigli e farsi da parte

pa_banner

 

ROMA – Il segretario del Pd, Matteo Renzi inizia questa mattina la guida del più grande partito italiano e lo fa rimarcando in maniera chiara la rotta già tracciata. E per essere chiari sul metodo futuro Renzi ha affermato nella serata di ieri alla trasmissione Ballarò: “La vecchia guardia del partito non sarà candidata alle Europee. Bindi, Veltroni e D’Alema devono darci tanti consigli, e farsi da parte. Mettiamo persone interessate all’Europa, non ai giochini italiani”. Nella stessa occasione Renzi ha sostenuto la necessità di trasferire la competenza sulla legge elettorale a Montecitorio: “Bisogna toglierla dal Senato, dove l’hanno lasciata a lievitare come la pizza, e portarla alla Camera”. A deputati e senatori del Pd, il segretario ha indicato i principali obiettivi a breve termine: entro maggio Renzi punta all’approvazione in prima lettura di alcuni disegni di legge costituzionali, sul superamento del Senato, la riduzione dei parlamentari e la modifica delle competenze delle regioni.