Disputa tra sessi, al Gesualdo successo per Nancy Brilli e la sua Mirandolina

Fiera Di Calitri prova

AVELLINO – La guerra tra sessi. E’ questo il tema al centro della rappresentazione de “La locandiera” proposta da Nancy Brilli al teatro Carlo Gesualdo di Avellino.

Mirandolina, la donna che muove la celebre commedia di Goldoni, munita della sua parola tagliente e dei suoi buoni modi, si destreggia tra i corteggiamenti di quattro uomini molto diversi, Fabio Busotti che interpreta il Marchese di Forlipopoli, Claudio Castrogiovanni che è invece il Cavaliere di Ripafratta e Maximilian Nisi che interpreta il Conte di Albafiorita, colui che odia le donne. Quest’ultime sono concepite dal Conte come frivole e spregiudicate, pertanto odiate e fuiggite. Infine, c’è il fidato cameriere Fabrizio, interpretato da Andrea Paolotti, che alla fine di tutte le peripezie diventerà il suo sposo. La rappresentazione è un incessante e spietata guerra tra i due sessi, fatta di dialoghi intriganti e curiosi, che sono soprattutto un chiaro elogio ad una donna intelligente, sicura di se stessa ed intraprendente che fa di tutto per salvare la locanda ereditata dal padre e la sua libertà. La rappresentazione verrà riproposta oggi alle ore 18,30.

Per ulteriori informazioni rivolgersi al botteghino e alla pagina facebook del Teatro.