De Blasio giura da sindaco di New York: Chiederemo ai più ricchi di pagare più tasse

pa_banner

NEW YORK – L’uomo di origini sannitiche e che a Sant’Agata de’Goti ha i suoi parenti, inizia ufficialmente il suo cammino come Sindaco di New York, dopo aver prestato giuramento davanti alla sua casa di Brooklyn alla presenza del procuratore generale dello Stato e davanti alla City Hall alla presenza dell’ex presidente Bill Clinton.

Tanti i newyorkesi accorsi alla cerimonia, per vedere De Blasio, arrivare in metropolitana accompagnato da sua moglie Chirlane e i figli Chiara e Dante. Il vecchio sindaco Bloomberg aveva incontrato ieri De Blasio per il passaggio di consegne e nel suo breve discorso il nuovo sindaco ha promesso di cambiare il volto della città attraverso politiche fortemente progressiste e a sostegno delle famiglie e delle aree più disagiate della città. “Siamo chiamati a porre fine alle ineguaglianze economiche e sociali che minacciano il futuro della città che amiamo – ha detto De Blasio- e oggi ci impegniamo per una nuova agenda progressista, la stessa che spesso ha scritto la storia della nostra città. Chiederemo ai più ricchi di pagare un po’ più tasse… Non vogliamo aspettare, vogliamo agire ora.

Ci sono quelli che pensano che ora che siamo al governo le cose continueranno come prima. Ma voglio essere chiaro: quando dicevo che la storia delle due città, una ricca e una povera, finirà, volevo dire che lo farò. E lo farò” ha chiosato De Blasio.

Comincia dunque la sua “era” e staremo a vedere se sarà “gattopardesca” o davvero di cambiamento quella del sindaco “italiano” seguito da una nutrita delegazione di parenti e conoscenti venuta da Sant’Agata dei Goti(paese in provincia di Benevento da cui partì la famiglia) cui ha detto, in italiano: “Grazie, mi avete sempre sostenuto e guidato”.