Caselle, assassino confessa triplice omicidio: è il convivente dell’ex domestica

pa_banner

CASELLE TORINESE (TO) – L’assassino ha confessato, il giallo è risolto.

Giorgio Palmieri, 56 anni, pregiudicato torinese, convivente dell’ex domestica degli Allione, ha confermato tutto ai Carabinieri, che lo avevano bloccato ieri sera. “Sono stao io. Ho agito da solo”. Ad incastrarlo sono stati i tabulati telefonici, che hanno messo in evidenza la presenza costante dell’uomo nella zona della villetta. Secondo gli investigatori, Palmieri si era introdotto venerdì notte per rapinare la famiglia, ma qualcosa non dev’essere andato secondo i suoi piani e dunque ha compiuto il triplice omicidio.

Le indagini, condotte dal nucleo investigativo dei Carabinieri di Torino sotto la direzione della Procura di Torino e con la collaborazione dei Ros e dei Ris di Parma, hanno dunque sciolto l’enigma, che ieri stava prendendo una piega diversa. Il ritrovamento della refurtiva, segnalata dal figlio delle vittime, aveva fatto convergere tutti i sospetti su di lui. L’analisi delle celle telefoniche e del guanto di lattice rinvenuto, però, ha condotto gli inquirenti dritti a Palmieri.