Brasile 2014, Blatter attacca: Organizzazione mai così male

pa_banner

ZURIGO – Mancano ormai solo cinque mesi all’apertura del Mondiale di Brasile, e lo stato di avanzamento delle opere non sembra soddisfare i vertici del calcio mondiale.

In un’intervista concessa al quotidiano elvetico 24 Heures, infatti, Sepp Blatter, presidente Fifa, ha attaccato a testa bassissima l’organizzazione della competizione internazionale. “Mai visto nessun Paese così in ritardo nell’organizzazione di un mondiale”, ha affermato Blatter, che ha aggiunto, non senza una punta diu veleno: “E mai nessuno ha avuto così tanto tempo a disposizione per prepararlo: ben sette anni”.

Le dichiarazioni dell’ultrapotente numero uno del calcio mondiale sono arrivate all’orecchio del presidente del Brasile, Dilma Rousseff, che in un cinguettio ha incassato e rilanciato: “Brasile 2014 sarà la madre di tutte le Coppe del mondo. Amiamo il calcio, e per questo ospitiano questo Mondiale. In Brasile – ha concluso – la Coppa starà a casa, perché questo è il Paese del calcio”. Quando, nel 2007, il Mondiale fu assegnato al Brasile, era risaputo lo stato di degrado degli impianti e della situazione in generale: nessuno stadio era omologato per ospitare gare di una competizione di questa levatura.