Milan, Barbara è infuriata. Ore contate per Allegri, pronti Inzaghi e Galli

pa_banner

MILANO – Può costare carissima a Massimiliano Allegri la sconfita di ieri sul campo di Reggio Emilia contro la Cenerentola Sassuolo.

Le quattro reti di Berardi, che hanno affondato i rossoneri, hanno fatto mandato a picco (leggi: fatto infuriare) l’umore di Barbara Berlusconi. L’amministratore delegato, che agisce in coabitazione con Adriano Galliani, già dopo la gara aveva definito “inaccettabile la sconfitta” di una squadra che dopo tredici minuti era avanti due a zero, ma che si è fatta infilare quattro volte da un avversario aggressivo, è vero, ma modesto e certamente inferiore tecnicamente.

La società rossonera aveva fatto trapelare che la posizione di Allegri era appesa ad un filo, anche se avrebbe fatto passare la notte per una decisione definitiva e più serena. Stamattina pare che le cose non siano cambiate. Anzi, è venuto fuori addirittura il nome del sostituto, che dovrebbe essere Pippo Inzaghi, amatissimo dai tifosi del Milan e attuale allenatore della Primavera rossonera. Superpippo dovrebbe traghettare la squadra fino a giugno, quando, probabilmente, a sedere in panchina sarà Clarence Seedorf. In caso di rifiuto, è già stato contattato un altro ex, Filippo Galli.