Grillo a testa bassa: Italicum anti-M5S. Grave silenzio del Colle

pa_banner

ROMA – In tanti si attendevano il suo commento ufficiale sull’Italicum, ed eccolo qua.

Intrattenendosi con i cronisti nel caffè della sede della Stampa Estera, Beppe Grillo ha affondato il colpo su tutti. “Renzi – ha attaccato – è andato da Berlusconi ad Arcore. Dietro l’ebetino c’è il condannato che gli ha dettato la linea. Si è messo la camicina bianca ed è salito sul camper, scopiazzando il nostro programma”.

Secondo Grillo, “l’importante era fermare il Movimento 5 Stelle: siamo la variabile impazzita. Con questo sistema siamo spacciati e lo sappiamo. In un ballottaggio tra noi e il Pd, Berlusconi a chi indirizzerà il suo voto con tv e giornali?”. A testa bassa, poi, anche contro Letta e Napolitano: “E’ grave il mutismo del presidente del Consiglio così come quello del presidente della Repubblica. Il pericolo siamo noi, ma non solo per loro: per la Bce, per l’Ue, per la Troika”. E ancora su Napolitano: “L’impeachment arriva: ci sono tutti i documenti, ci stanno lavorando due studi legali”.

In conclusione, un’assicurazione: “Noi accordi con questi non ne facciamo. O vinciamo o ce ne andiamo. Se gli italiani voteranno questi cialtroni – è l’avviso – se li dovranno tenere”.