Legge elettorale, scontro nel Pd. Renzi: Si discute con tutti, anche con FI

pa_banner

ROMA – Nuove scintille nel Partito democratico tra bersaniani e renziani, a seguito della netta apertura a Forza Italia da del segretario su un accordo per la legge elettorale.

Renzi parlando in collegamento telefonico con il Tg5, Renzi ha affermato di non avere alcuna preclusione ad incontrare Berlusconi per trovare un accordo definitivo. “Se ci vediamo è per provare a chiudere”, ha affermato il segretario del Pd. “Ma prima di vedersi – ha proseguito – bisognerà sistemare le cose per benino”. In un cinguettio successivo, poi Renzi ha aggiunto: “Legge elettorale. Le regole si scrivono tutti insieme, se possibile. Farle a colpi di maggioranza è uno stile che abbiamo sempre contestato”.

Parole in risposta a quella fetta di partito che non digerisce il coinvolgimento dei forzisti nella trattativa. “Sento dire di incontri con Silvio Berlusconi al Nazareno – dice Alfredo D’Attorre, deputato Pd considerato vicino a Bersani e Cuperlo -, ma immagino che Renzi sarà cauto su mosse che possano resuscitare politicamente Berlusconi”. D’Attorre si è poi augurato che Renzi “non incontri un pregiudicato alla sede del Pd”.