Fiat Chrysler Automobiles: sede in Olanda, tasse in Uk, quotazione a WS e Milano

TORINO – Ad inizio anno la notizia dell’acquisizione totale di Crhysler da parte di Fiat Auto, con l’assicurazione di comunicare nuono nome, sede legale, fiscale e finanziaria entro fine gennaio. 

E puntuale, proprio stamattina queste comunicazioni sono arrivate direttamente dal Lingotto. Il nascente gruppo si chiamerà Fiat Chrysler Automobiles (Fca), e in base a quanto già sperimentato con successo con Cnh, avrà la propria sede legale in Olanda e quella fiscale a Londra, che offre vantagi nel pagamento dei dividendi. Tuttavia, il gruppo continuerà a pagare le imposte nei paesi nei quali opera e avrà doppia quotazione bosrsistica: a Wall Street e a Milano, dove avrà un secondo listino. 

“E’ il giorno più importante della mia carriera”, ammette l’amministratore delegato Sergio Marchionne, secondo cui “l’adozione di una governance internazionale e le previste quotazioni miglioreranno l’accesso ai mercati globali con evidenti vantaggi finanziari”. Marchionne ha poi confermato che erntro maggio sarà pronto il nuovo piano industriale, che prevede l’assegnazione dei progetti ai vari stabilimenti, dunque anche a quelli italiani. Dal canto suo, John Elkann, presidente Fiat, definisce la nascita di Fca come l’inizio di un nuovo capitolo della nostra storia. Ora – prosegue Elkann – possiamo dire di essere riusciti a creare basi solide per un costruttore di auto globale, al pari della concorrenza”.

Rassicurazioni sul lato lavorativo: “Tutte le attività che confluiranno in FCA – afferma Marchionne – proseguiranno la propria missione, compresi naturalmente gli impianti produttivi in Italia e nel resto del mondo, e non ci sarà nessun impatto sui livelli occupazionali”.

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.