Roma, duro colpo delle Fiamme Gialle all’evasione fiscale

Fiera Di Calitri prova

ROMA – Un altro duro colpo all’evasione fiscale è stato inferto dalla Guardia di Finanza di Roma. In tutta la provincia sono state eseguite 1.278 verifiche fiscali e oltre 2.000 controlli più limitati, volti al contrasto dell’evasione di massa, tra cui 712 riscontri su compravendite e locazioni immobiliari che, da soli, hanno portato alla scoperta. Le Fiamme Gialle hanno scoperto  650 evasori totali, responsabili di avere occultato redditi per circa 3,6 miliardi e Iva per oltre 260 milioni. Sono 956 le persone denunciate di cui 13 arrestate per condotte previste dalla normativa penal-tributaria e ammonta a oltre 291 milioni il valore dei beni loro sequestrati per equivalente. Inoltre ci sono s stati 16.952 i controlli  che hanno puntato  a riscontrare la corretta osservanza dell’obbligo di emettere le ricevute e gli scontrini fiscali: 10.460 casi  si son chiusi con esito irregolare, consegnando alle statistiche la mancata emissione di più di tre scontrini su cinque. Per ciò che concerna il  lavoro sommerso, sono stati trovati 800 lavoratori in nero e oltre mille irregolari, impiegati presso 325 datori di lavoro.