Sanremo, è bufera sullo spot: Offensivo per i disabili

fiera modificato

REDAZIONE – Come ogni Sanremo che si rispetti, anche quello che prenderà il via tra due settimane non manca di far parlare di sé. Per delle polemiche, ovviamente. 

Nell’occhio del ciclone, stavolta, c’è finito addirittura lo spot di Sanremo, che sta andando in onda in questi giorni e che vede i due conduttori, Fabio Fazio e Luciana Littizzetto, impegnati in una gag stile Vianello-Mondaini sulle note di “Se mi lasci non vale”, che si conclude con un imprevisto: la Littizzetto, strattonata da Fazio, perde la sua protesi al braccio e lui, con nonchalance, la ripone sotto la giacca per tornare in poltrona a leggere il giornale. 

A far sentire la propria voce è lo Sportello dei Diritti, che sottolinea l’uso troppo “sciolto” di una protesi, quasi come fosse un particolare che susciti ilarità. “Non pochi telespettatori, tra cui molti portatori di handicap – denuncia il presidente Giovanni D’Agata -, ci hanno segnalato di sentirsi offesi dall’epilogo della gag. Ci vediamo ancora una volta costretti a denunciare il cattivo gusto di quello che dovrebbe essere servizio pubblico, che è tanto più squalificante se si pensa che riguarda uno tra gli appuntamenti più attesi dell’anno”. Annunciato, inoltre, un esposto all’AgCom perché lo spot venga immediatamente ritirato.