Atti vandalici, Foti: Pronti ad interventi forti, ma i cittadini denuncino

pa_banner

AVELLINO – L’appello di qualche mese fa in cui Paolo Foti richiamava alla coscienza civica e alla sensibilità dei cittadini sembra essere caduto nel vuoto. Almeno, stando  alle scritte sulle vetrine dei negozi e sui veicoli tra corso Europa e corso Vittorio Emanuele, e ai nuovi atti vandalici al complesso dell’ex GIL, dove sono state finanche distrutte alcune panchine in marmo.

Il sindaco di Avellino torna sugli episodi: “Dovrebbero far riflettere l’amministrazione, certamente, ma soprattutto – afferma in una nota – gli avellinesi che vorrebbero passeggiare o sedersi tranquillamente. Degrado e vandalismo si combattono insieme. Questa amministrazione da sola non ce la può fare se tra i cittadini non si riscoprono spirito civico, coesione sociale, senso di appartenenza. Siamo pronti ad interventi forti di tutela e di prevenzione, come il posizionamento di telecamere o un maggiore presidio dell’area da parte dei vigili urbani, anche con il sostegno delle forze dell’ordine. Ma questo – prosegue il primo cittadino di Avellino – non basterà mai se tra i cittadini non matura quella consapevolezza che atti del genere non colpiscono un’amministrazione o un singolo luogo, ma si ripercuotono sull’intera città, sull’immagine che vogliamo dare di Avellino anche all’esterno. Denunciamo gli atti di vandalismo e facciamolo liberamente, senza paura. Stiamo parlando della nostra città!”.