M5S, espulsi i quattro dissidenti: emorragia di parlamentari, il movimento si spacca

ROMA – Dei 43.368 iscritti certificati partecipanti alla votazione, 29.883 hanno votato per l’espulsione dei quattro senatori dissidenti, 13.485 hanno votato contro. 

Dopo questi risultati, pubblicati sul sito di Beppe Grillo, la tensione all’interno del M5S è altissima. Orellana, Bocchino, Campanella e Battista, che nel pomeriggio hanno risposto al video di Grillo con un altro video, hanno anticipato l’esito del voto e si sono dimessi dalla carica di senatore. Li ha seguiti anche il senatore Maurizio Romani, mentre restano in bilico le posizioni di Alessandra Bencini, Laura Bignani, Cristina De Pietro e Monica Casaletto. La senatrice Elena Fattori ha affermato che sarebbero in dieci i senatori pronti a rassegnare le dimissioni. 

“Per Grillo siamo solo pedine da manovrare. Se uno vale uno, Grillo vale più degli altri. Dopo di lui uno vale l’altro”, ha commentato la vicenda Luis Alberto Orellana. Contemporaneamente all’emorragia che si è aperta al Senato, anche alla Camera il M5S perde pezzi. “Esco dal gruppo M5S e con me ci sono altri cinque deputati”, ha affermato.Alessio Tacconi a La Zanzara su Radio 24. “Con questo voto si è dimostrato che non è possibile andare contro il parere di Casaleggio e Grillo”. Alessandro Di Battista, grillino duro e puro, ha accusato: “Io ho visto in queste quattro persone, sistematicamente, da mesi, e in modo organizzato la logica del dolo, la malafede, il sabotaggio di tutte le grandissime battaglie che abbiamo portato avanti come gruppo”. Altri, come il senatore Riccardo Nuti, parlano di “un nuovo movimento, ‘Attivisti liberi’, a cui il senatore Campanella sta lavorando”.

Domenico Bonaventura

Informazioni su Domenico Bonaventura

Classe 1984, lacedoniese d'origine e lacedemone di spirito. Direttore responsabile de Lanostravoce.info. Appassionato di attualità politica, sportiva e mediatica. Laureato in Scienze Politiche, indirizzo Comunicazione politica, economica ed istituzionale, presso la Luiss "Guido Carli" di Roma. Sono autore del saggio "Parole e crisi politica" (Ilmiolibro.it - 2013). Iscritto all'Ordine Nazionale dei Giornalisti, collaboro con la redazione di Avellino de Il Mattino e sono responsabile di diversi uffici stampa.