Ior, sequestrati miliardi di euro pronti ad entrare in Vaticano

pa_banner

CITTA’ DEL VATICANO – Una enorme truffa ai danni dello Ior è stata sventata dalla Gendarmeria Vaticana, in collaborazione con la Guardia di finanza di Roma.

L’operazione, resa possibile dalle nuove norme in materia di antiriciclaggio, è avvenuta proprio mentre un olandese e un americano stavano per entrare in Vaticano con valigette piene di titoli falsi per miliardi di euro. I due sono stati bloccati all’ingresso di San’Anna dai gendarmi vaticani. Hanno millantato amicizie e conoscenze di alto rango ecclesiale: la loro intenzione era in realtà quella di aprire una linea di credito da utilizzare sui mercati internazionali. La Guardia di finanza ha poi perquisito le loro camere d’albergo, dove sono stati rinvenuti timbri, certificazioni finanziarie, telefoni, computer. 

Denunciati all’autorità vaticana e a quella italiana, sono stati poi consegnati ai berretti verdi, sulla base di quanto previsto dal Trattato Lateranense. Si tratta della prima operazione conclusa sulla base della collaborazione tra Gendarmeria e Guardia di finanza.