Venti di guerra: il richiamo del Papa e il tradimento di Berezovskiy

pa_banner

CITTA’ DEL VATICANO – Venti di guerra. Mentre Papa Francesco ha lanciato oggi, durante l’Angelus in Piazza San Pietro, un accorato appello al dialogo sulla vicenda ucraina, la Russia di Putin è pronta a scatenare un’offensiva dalle conseguenze pericolose.

“Vi chiedo di pregare ancora per l’Ucraina che sta vivendo una situazione delicata – ha sollecitato Papa Francesco -, mentre auspico che tutte le componenti del Paese si adoperino per superare incomprensioni e costruire insieme il futuro della Nazione, rivolgo alla comunità internazionale un accorato appello: sostenga ogni iniziativa per dialogo e concordia”.

Intanto, il comandante in capo della Marina ucraina Denis Berezovskiy ha giurato fedeltà alle autorità filorusse della Crimea. Berezovskiy ha dichiarato la sua fedeltà “al popolo della Crimea” impegnandosi a “difenderlo” nel corso di una conferenza stampa allo stato maggiore della flotta russa a Sebastopoli. L’ammiraglio era stato appena nominato comandante in capo dal presidente ucraino ad interim Oleksander Turcinov.