Evasione da quasi 4 milioni, sequestrate villa e scuderie alla Nannini

pa_banner

SIENA – Sigilli alla tenuta senese (foto) di Gianna Nannini, con annesse scuderie, magazzini e autorimessa. E’ quello che è stato disposto dalla Guardia di finanza di Milano, nell’ambito di un’inchiesta che ipotizza un’evasione, da parte della celebre cantante, di 3 milioni 750mila euro. 

Il Nucleo di Polizia tributaria della Guardia di finanza di Milano, che si è mosso dopo un accertamento fiscale del 2011, ipotizza che la Nannini, secondo quanto riportato dal Corriere della Sera, avrebbe frapposto tra la propria società (la Gng Musica Srl) e le case discografiche Sony e Universal, due società di diritto, una irlandese e una olandese, con l’obiettivo di non pagare allo Stato italiano le royalties su dischi e concerti, ma delocalizzarle in altri Paesi dalla tassazione più favorevole. A riprova del fatto che la società irlandese sarebbe solo uno schermo utilizzato dalla Nannini in territorio britannico, vi è l’acquisto (1,1 milioni di euro) di un appartamento a Siuth Kensington, cuore di Londra, “nella disponibilità della Nannini”.